Il tè, informazioni sulle proprietà e studi clinici

 Il Tè - Informazioni
 
El té, información
  Origine del tè
  Composizione chimica del tè
  Benefici e proprietà del tè
  Varietà di tè
  Studi clinici
  Bibliografía
   

Nell’attualità si è a conoscenza dell’esistenza di oltre 300 tipi di tè, ma tutti provengono dalla stessa pianta, la Camellia Sinensis che viene trasformata in quattro tipi principali di tè: il bianco, il verde, il nero e il rosso. Tra I principali benefici si trovano la riduzione degli effetti dell’invecchiamento e l’azione di diminuzione del colesterolo dannoso LDL, alcuni tipi hanno effetti diuretici e astringente, allo stesso modo proteggono contro l’arteriosclerosi e aiutano a diminuire la percentuale di grasso corporeo.

E’ molto diffusa la leggenda dell’imperatore Chen-Nung che, nell’anno 2700 a.C., per prevenire le infezioni dovute al consumo di acqua contaminata, ordinò di bollire tutta l’acqua per il consumo umano. Fu così che accidentalmente, mentre stava bollendo dell’acqua  all’ombra di un albero di te silvestre le cui foglie ondeggiavano dolcemente a causa del vento, alcune foglie caddero nella pentola. La curiosità lo portò a provare quello che sarebbe stato la prima infusione di tè che sembrò rinfrescante e stimolante. Chen-Nung introdusse così questo costume che rapidamente si estese a tutto il suo popolo.
 Origine del tè

Il tè si ottiene dal leggendario albero del tè chiamato Camelia sinensis o Thea sinensis. E’ originario del Sud-Est asiatico, si trova dall’India e Sri Lanka alla Cina e Giappone; Cresce in maniera estesa nelle regioni tropicali e subtropicali. In prossimità dell’Equatore può crescere fino ad un’altitudine di circa 2.000 metri.
E’ un piccolo albero perenne che può arrivare a misurare da 5 a 10 metri di altezza allo stato selvatico. Ma se viene coltivato raramente supera i 2 metri di altezza. La parte utilizzata a fini terapeutici sono le foglie che si presentano lanceolate e appuntite di colore verde scuro, hanno una disposizione alternata e misurano generalmente tra i 5 e i 10 cm di lunghezza e i 2 e 4 cm di larghezza.
Il tè ha dei fiori delicati di color bianco crema o rosati che liberano un aroma molto piacevole. Sono piccoli e si dispongono in maniera solitaria a gruppi di 2 o 3 fiori.
Il frutto è una piccola capsula rotonda al cui interno si trovano i semi. El fruto es una pequeña cápsula redondeada en cuyo interior se localizan las semillas. I peli radicali sono molto fini, a causa di ciò è molto sensibile alla scarsa umidità che può far si che la pianta si secchi.

La raccolta delle foglie avviene quando la pianta raggiunge un’età di 3 anni e solitamente si ripete 3 volte all’anno. Si scelgono i germogli giovani composti da 5 o 6 foglie disposte attorno ad una gemma terminale chiusa.
 Composizione chimica del tè

La composizione chimica del tè non è la stessa per ogni tupi. I tipi di tè più elaborati, come il tè nero, differiscono in maniera significativa rispetto a quelli meno elaborati come il tè verde. Ciò è dovuto all’ossidazione che soffre il tè nel periodo di elaborazione. Tra i principali componenti si posso trovare:

  • I Polifenoli: Sono delle sostanze con un forte potere antiossidante e che influiscono sul sapore del tè. Tra I polifenoli troviamo i flavonoidi e tra questi troviamo le catechine che sono le sostanze più  importanti tra I polifenoli del tè. 
  • Le Metilxantine: Tra questo gruppo di sostanze troviamo la caffeina, la teofillina e la teobromina. Anche se la più conosciuta è la caffeina, le tre sostanze sono stimolanti e normalmente si trovano nelle stesse piante. 
  • Le Vitamine: Il tè contiene, tra le altre, le vitamine A e B. Nel caso del tè verde si trovano anche altre vitamine come la  vitamina C. 
  • I Minerali: Calcio, fosforo, ferro, sodio, potassio. nel caso del té verde possiamo trovare anche il cromo, il magnesio, il cobalto, il nichel, il fluoro, il selenio e tanti altre sostanze. 
  • Le sostanze aromatiche: A queste dobbiamo il suo profumo caratteristico e contribuiscono anche in  parte al suo sapore. 
Gli aminoacidi: Si tratta di alcuni composti organici che aiutano l’organismo a formale le proteine. Inoltre, a seconda del tipo di aminoacido, possiamo ottenere altri benefici per la salute.
 Benefici e proprietà del tè

In paesi come la Cina, il Giappone e l’India è considerato una bevanda che offre benessere, armonia, bellezza e serenità, il cui consumo si relaziona con la ricerca della spiritualità e viene coltivata in recinti speciali. I monasteri buddisti, per esempio, contano con una “casa del tè” dove si sperimentano momenti di pace interiore e buon umore. Nella medicina tradizionale viene utilizzato per:

  • Aiutare ad eliminare le tossine.
  • Alleviare il mal di testa.
  • Contiene composti antiossidanti che sono molto benevoli per aiutare a combattere determinati tipi di cancro.
  • Riduce gli effetti dell’invecchiamento cosi come gli effetti delle malattie degenerative.
  • Aiuta a diminuire il colesterolo dannoso LDL e ad aumentare il colesterolo buono HDL.
  • Ha una azione diuretica, bronco dilatatoria e astringente (antidiarroica).
  • Fornisce protezione contro l’arteriosclerosi, diminuisce il rischio di malattie cardiovascolari e riduce la formazione anomala di coaguli sanguigni.
Aiuta a diminuire il grasso corporeo e per questo è ottimo per il trattamento del diabete e dell’obesità.
 Varietà di tè

Té Verde
E’ un tè non fermentato, questo fa si che mantenga i suoi componenti praticamente inalterati rispetto al suo stato naturale, di questo tè viene raccolta la foglia che viene lasciata seccare e in seguito viene cotta al vapore e seccata con il fuoco. Esistono numerose varietà di tè verde,  tutte molto popolari in Cina e in Giappone.
Té Rosso
E’ originario della regione dello Yunnan, una provincia annessa alla Cina nel XIII° secolo e situata al confine con la Birmania., il Laos e il Vietnam. Si ottiene dalla raccolta delle foglie che subiscono un breve periodo di essiccazione all’aria aperta per poi passare ad un periodo di essiccazione più prolungato in uno spazio chiuso aggiungendo alcuni microrganismi al processo. Viene anche chiamato “tè post-fermentato”.
Té Bianco 
Originariamente era riservato solo all’imperatore es ai suoi più stretti collaboratori, in realtà è un tè verde di cui solo vengono raccolti i germogli che nascono al principio della primavera. E’ infatti in questo momento che tutta l’energia e gli elementi nutritivi della pianta si concentrano nei germogli. Una volta raccolto viene lasciato appassire in modo che evapori l’umidità e si lascia seccare all’aria aperta su panni di seta. La sua capacità antiossidante dovuta all’alta concentrazione di polifenoli aiuta a migliorare le difese dell’organismo e collabora nel combattere i radicali liberi.

Té Nero
Questo è il tè che sempre abbiamo conosciuto. Si ottiene dopo un processo di ossidazione. Le foglie appena raccolte vengono poste in uno spazio umido e lasciate fermentare per alcune ore in modo da acquisire il suo caratteristico colore verde scuro o nero. Il tè nero ha un sapore forte e può essere consumato con il latte. Il suo livello di caffeina è molto superiore a quello del tè verde, contiene infatti tra i 25 e i 100 mg a seconda del grado di fermentazione.
 Varietà di tè

Té Verde
E’ un tè non fermentato, questo fa si che mantenga i suoi componenti praticamente inalterati rispetto al suo stato naturale, di questo tè viene raccolta la foglia che viene lasciata seccare e in seguito viene cotta al vapore e seccata con il fuoco. Esistono numerose varietà di tè verde,  tutte molto popolari in Cina e in Giappone.
Té Rosso
E’ originario della regione dello Yunnan, una provincia annessa alla Cina nel XIII° secolo e situata al confine con la Birmania., il Laos e il Vietnam. Si ottiene dalla raccolta delle foglie che subiscono un breve periodo di essiccazione all’aria aperta per poi passare ad un periodo di essiccazione più prolungato in uno spazio chiuso aggiungendo alcuni microrganismi al processo. Viene anche chiamato “tè post-fermentato”.
Té Bianco 
Originariamente era riservato solo all’imperatore es ai suoi più stretti collaboratori, in realtà è un tè verde di cui solo vengono raccolti i germogli che nascono al principio della primavera. E’ infatti in questo momento che tutta l’energia e gli elementi nutritivi della pianta si concentrano nei germogli. Una volta raccolto viene lasciato appassire in modo che evapori l’umidità e si lascia seccare all’aria aperta su panni di seta. La sua capacità antiossidante dovuta all’alta concentrazione di polifenoli aiuta a migliorare le difese dell’organismo e collabora nel combattere i radicali liberi.

Té Nero
Questo è il tè che sempre abbiamo conosciuto. Si ottiene dopo un processo di ossidazione. Le foglie appena raccolte vengono poste in uno spazio umido e lasciate fermentare per alcune ore in modo da acquisire il suo caratteristico colore verde scuro o nero. Il tè nero ha un sapore forte e può essere consumato con il latte. Il suo livello di caffeina è molto superiore a quello del tè verde, contiene infatti tra i 25 e i 100 mg a seconda del grado di fermentazione.
 Studi clinici
  • I risultati di uno studio presentato durante la riunione annuale della Società Americana di Oncologia Clinica (ASCO), sono gli ultimi di una serie di studi realizzati dalla Clinica Mayo (Mayo Clinic) che offrono speranza rispetto all’impiego della sostanza chimica conosciuta come gallato di epigallocatechina  (EGCG), componenti principale del tè verde, per ridurre la quantità di cellule leucemiche nei pazienti con Leucemia. La Clinica Mayo ha comprovato per prima che l’EGCG, dopo vari esperimenti di laboratorio svolti in 8 anni, ridurrebbe la sopravvivenza delle cellule leucemiche. A questo risultato ottenuto in laboratorio è seguito un importante saggio clinico di fase I che fu il primo a studiare l’estratto di tè verde in pazienti con leucemia linfocitica cronica.
  • I composti polifenolici della frutta e della verdura sono stati associati con un minor rischio di contrarre alcune malattie come il cancro. La ricerca recente ha dimostrato che i polifenolici antiossidanti nel te verde posseggono effetti chemio preventivi del cancro. Questa ricerca descrive gli effetti chemio preventivi del cancro associati al te verde ed i meccanismi molecolari che sono alla base dell’amplio effetto anticancerogeno dei polifenoli nel tè verde. Los compuestos polifenólicos de frutas y verduras se han asociado con un menor riesgo de algunas enfermedades, como el cáncer. La investigación reciente ha demostrado que la polifenólicos antioxidantes en el té verde poseen efectos quimiopreventivos de cáncer. Esta revisión describe los efectos quimiopreventivos cáncer asociados con el té verde y los mecanismos moleculares que subyacen en el amplio efecto anticancerígeno de los polifenoles en el té verde.
 Bibliografía
  • Estratto di tè verde sembra tenere a bada il cancro nella maggior parte dei pazienti con leucemia. Clinica Mayo, giugno 2010.
  • Polifenoli del tè verde e il cancro: meccanismi biologigi e implicazioni pratiche. Ahmad N, H Mukhtar.  Dipartimento d Dermatologia, Ospedali Universitari di Cleveland, Case Western Reserve University, OH 44106, USA. Marzo 1999.
  • Effetti preventivi del cancro del bere tè verde in una popolazione del Giappone. Imai K, Suga K, K Nakachi. Dipartimento di Epidemiologia, Istituto di ricerca sul cancro Saitama, Giappone. Novembre 1997.

Commenti(0)

Scrivi il tuo commento

  • Condividi le tue esperienze o dubbi con la nostra community di lettori, considerando ciò:

  • RPrima di pubblicarlo pubblicheremo il tuo commento.
    Commenti pubblicitari o offensivi non sono accettati.
    Non risponderemo alle domande in questa sezione - indirizzate le vostre domande ad altri lettori -. Per contattarci, vai alla nostra pagina di contatto

Subir